Può un test di gravidanza cambiarti la vita?

di Katia Garzotto

Può un test di gravidanza cambiare la vita a una coppia che desidera tanto un figlio?
Anni fa, quando mi innamorai di mio marito, decidemmo di volere un figlio subito, appena sposati.
Una sera, quelle due lineette blu cambiarono la nostra vita.
La gioia era incontenibile, non aspettai i classici tre mesi per comunicare ai parenti che ero incinta, diedi subito la bella notizia a tutti.
Cominciammo a fare progetti, scegliemmo i mobili per la cameretta, pensavamo già al suo futuro.
Non abituiamolo a stare sempre in braccio, non lo dobbiamo viziare e dovrà dormire nel suo lettino. Se sarà maschio lo chiameremo Cristian, se femmina sarà Aurora.
Si progettava e programmava tutto per lui/lei.
C’era già tanto amore per questa creatura che doveva nascere.
Quel gesto di portare le mani sulla pancia che avevo sempre criticato, era diventato per me un bisogno di cui non potevo fare a meno.
Era da tanto che non mi sentivo così felice. Il mio sogno più grande si stava avverando, anche se c’erano delle cose che non stavano andando come io volevo.
Si può passare dalla felicità della gravidanza al terrore di perderla?
Purtroppo sì…

Ero alla nona settimana quando una sera mentre ero a cena mi sentii scendere un liquido caldo tra le cosce… era sangue!
Panico… terrore… cosa succede? Perché perdo sangue? Mio marito non c’era, doveva ancora rientrare dal lavoro, con me c’erano ì miei suoceri – ebbene sì, abitavamo con loro… e questa era una delle cose che non andava come volevo.
Dovevo assolutamente andare in ospedale. Venne mio fratello a prendermi per accompagnarmi al pronto soccorso. Da quella sera iniziò il mio calvario. Venni visitata da un medico, il quale, dopo aver appreso che avevo un’emorragia in corso, mi disse: e cosa dobbiamo fare?
Glielo devo dire io dottore cosa deve fare? fu la mia risposta…
La gravidanza procedeva con continue ecografie. Sta andando tutto bene, la bambina cresce, mi dicevano…
Eh sì, era femmina, la mia Aurora.
Il 27 marzo partorii dopo quindici ore di travaglio indotto.
La mia bambina nacque malata, con una grave sindrome che la rendeva un vegetale.
Quelle due lineette blu divennero un lontano ricordo, la terapia intensiva fu il nostro presente.

Può un test di gravidanza stravolgere la vita di una coppia?
Nel mio caso, sì…

Rispondi